IGNAZIO II

"u Baruni"

 

 

Anche se ormai credo che ciò vada scemando, a Vibo Valentia i Vasapollo sono stati storicamente identificati come "I Baruni" (i baroni) e, per un ramo secondario, come "I Longhi".

Tralasciando il secondo soprannome, "importato" da una famiglia correlata di cui ne indicava l'alta statura, il termine "I Baruni" era di sicuro ancora adoperato alla mia nascita. Un giorno in cui mia madre mi portava neonato per le vie di Vibo, infatti, un amico di mio padre si avvicinò alla mia carrozzina constatando con compiacimento: "Ah! Chistu è u baruneiu!".

Sembra che il soprannome si sia originato grazie al mio bisnonno, Vasapollo Ignazio (1833-1908). Alla fine del suo lavoro di calzolaio, egli era solito uscire dalla sua bottega sita sul Corso Umberto I di Vibo Valentia e, vestito di tutto punto amava passeggiare sul Corso con un bastoncino d’argento. In una di queste passeggiate incontrò un membro dei Murmura, nota famiglia vibonese, il quale ammirato dal suo stile lo apostrofò all’incirca con queste parole: "Caspita, mastru ‘Gnaziu, mi pariti nu baruni!".

E di nobile Ignazio oltre al soprannome aveva certamente anche l'animo.

Da un giornale locale del marzo 1891 apprendiamo: "Molto apprezzato il gesto generoso ed onesto del portiere dell'Orfanotrofio di Monteleone (nome all'epoca di Vibo Valentia, n.d.c.), Ignazio Vasapollo, che rinvenuto il portafogli smarrito del sig. Domenico Pileggi di S.Onofrio, che conteneva la rispettabile somma di 80 lire, lo ha consegnato al direttore dell'istituto cav. Casablanca".

Mi piace qui ricordare come lo stesso episodio sia avvenuto alla fine degli anni '70 del XX secolo con protagonista mio padre, altro Ignazio, il quale a Marotta (PU) trovò un portafogli pieno di dollari che riconsegnò ai Carabinieri.


Ignazio II.JPG (25243 byte)

Ignazio Vasapollo, detto "u Baruni"

 

 Scheda anagrafica di

VASAPOLLO IGNAZIO II

 

Nato a Vibo Valentia, il 7.11.1833. Probabile periodo di matrimonio: 1857-1867. Morto a Vibo Valentia, il 23.9.1908. Padre: Vasapollo Francesco Raffaele Leoluca. Madre: Lo Preiato Francesca. Fratelli: Vincenzo, Grazia, Antonio, Raffaele. Coniuge: De Filippis Maria Carmela. Figli: Isabella, Isabella, Antonino, Luigi, Giuseppe, Raffaele. Abitazioni e parrocchia: 1833, 1855, 1870: Strada S.Leoluca. Parrocchie: 1833, 1855, 1870: S.Leoluca. Professione: 1855, 1864, 1870, 1908: Calzolaio; 1891: Portiere dell'Orfanotrofio Provinciale di Vibo Valentia. Alfabetizzazione: Non sapeva firmare. Note: Battezzato probabilmente il 9.11.1833. Nel 1891 probabilmente era anche calzolaio. Ricordiamo infatti che l'Orfanotrofio era una sorta di Scuola Professionale di Arti e Mestieri dove si insegnava anche il mestiere di Calzolaio.